Cannes – Mahon

Settembre 29, 2020 - Ottobre 3, 2020
Percorso: Cannes - Mahon
Equipaggio: Giorgio, Franco, Cesar, Sandra, Stefano, Maribel, Arianna, Eloise
Meteo: Sole

Osservazioni: Partenza verso l’una del pomeriggio, dopo aver scaricato Giulio e Elisabeth che tornano in Italia, ma soprattutto dopo aver trovato altre 15 confezioni di Bjorg Croustillant Chocolat che ci permettono di avere una buona riserva per i prossimi mesi… Abbiamo persino comperato i Perle du Lait, quindi la colazione preferita dell’armatore è assicurata almeno per un mesetto. Puntiamo direttamente su Mahon, ma dopo aver incontrato il vento vicino a Porquerolles e cominciato a filare a 8 nodi di Bolina siamo stati costretti a deviare verso Ovest per delle esercitazioni militari nella zona che ci hanno costretto a passare a Nord delle Isole e passare dalla Grande Passe a Est di Port Croix. Una brutta perdita di strada e di tempo … Il vento ha continuato a farci filare intorno ai 7-8 nodi fino alle 2 di notte, quando è calato e abbiamo dovuto accendere i motori. Verso le 4 del pomeriggio del giorno dopo eravamo comunque all’imboccatura della baia di Mahon, uno dei fiordi naturali più grandi in Europa, abitato fin dai Fenici e Romani, e perennemente conteso fra inglesi, francesi e spagnoli per il controllo del Mediterraneo. L’entrata nel fiordo è sempre spettacolare, anche se la traversata molto calma non ha dato la sensazione della pace dopo la fatica delle altre volte che siamo passati di qui… Ormeggio all’Inglese davanti al lungomare al Marina di Mahon a 150 Euro/giorno circa. Aspettiamo vento forte nei prossimi giorni e ne approfitteremo per visitare l’Isola. Abbiamo il piacere di incontrare Giuseppe Cioccarelli (executive producer di Fatima) e la moglie Patrizia che vivono su un catamarano proprio vicino al nostro ormeggio.

Il primo ottobre è una giornata di relax a Mahon, in cui Stefano e Maribel sperimentano le biciclette elettriche scoprendo che quella di Maribel non funziona molto bene. Questo però non ci impedisce di arrivare fino a Es Castell, uno splendido paesino nella baia di Mahon a soli 3 Km da Mao, con una passeggiata lungomare bellissima. La sera ottima cena in barca con Giuseppe e Patrizia che il giorno dopo ci regalano una splendida gita nel nord di Minorca in macchina piena di tappe tutte bellissime: la fortezza di La Mola, proprio all’entrata del Fiordo, il paesino di Sa Mesquida e la sua spiaggia, da dove camminiamo per un pezzo lungo il cammino dei cavalli, poi passiamo a Fornells, bellissimo paesino tutto bianco all’interno di un golfo molto protetto, dove mangiamo tapas e una grossa aragosta fritta con uovo, Cala en Saler, il faro di Cabo Cavalleria e infine Ciudadela, la ex capitale di Minorca, dove ceniamo all’ottimo Café Balear, proprio in fondo al fiordo.

Il Giorno dopo invece Patrizia e Giuseppe ci prestano la macchina e facciamo una gita con le bambine e la maestra ripercorrendo le prime 2 tappe del giorno prima ma facendo una visita completa alla Mola all’interno, fermandoci in un bel ristorante con vista prima di Sa Mesquida e poi facendo un bagno nella spiaggia, cui parteciperà anche Sandra.

La sera siamo tutti invitati a casa di Luca e Luisa assieme a Patrizia e Giuseppe a cui si uniscono Armin (tedesco) e Maité (Spagnola), che sono vicini di casa sia a Barcelona che a Minorca. Luca e Luisa hanno una casa molto bella, con un grande giardino e sono tutti molto simpatici.

Tappa successiva